Il nuovo regolamento privacy europeo: impatto sulle imprese, studi professionali e P.A., scenari e profili applicativi: a Torino oggi presentazione corso perf. DPO

Si è tenuta oggi presso l’Ordine degli Avvocati di Torino la giornata di presentazione del “Corso di perfezionamento per la protezione dei dati personali per la formazione del Data Protection Officer” della Facoltà di Giurisprudenza di Torino e che si terrà presso il Campus Luigi Einaudi. Dato l’elevato numero di richieste di iscrizioni ed i posti limitati vi sarà una pre-selezione per poter accedere al Corso (i dettagli verranno descritti nel sito stesso a partire da venerdì).

Ha aperto i lavori il Prof. Francesco Pizzetti proprio in riferimento al Data Protection Officer e ricordando come il GDPR debba essere per ogni realtà che tratta dati personali effettuato con “taglio sartoriale”. A seguire ha ceduto la parola a me che avevo diversi ruoli in questa giornata:

– portare il saluto dei nostri Ordini Professionali ed in particolare della Presidente degli Avvocati Michela Malerba e del Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Torino Luca Asvisio. In questa veste ho ricordato quanto i nostri Ordini siano interessati sempre a fare rispettare le norme e ad informare gli iscritti in particolare di rivolgere particolare attenzione al nuovo regolamento in tema di protezione dei dati personali (GDPR) che sarà in piena applicazione dal 25 maggio 2018 e che assieme hanno organizzato in passato anche eventi congiunti su queste tematiche. Come referente del “Tavolo congiunto GDPR” dell’Ordine dei Dottori Commercialisti di Torino ho altresì ricordato l’impegno informativo portato avanti anche con l’Ordine degli Ingegneri di Torino e come referente del “Gruppo privacy” del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ho fatto presente del nostro impegno di categoria e della nostra prossima circolare su questo argomento. Da ultimo ho ricordato anche come per primi in Italia il nostro Ordine dei Dottori Commercialisti di Torino si sia impegnato anche nel campo dei dati non personali e che il nostro prossimo evento sul tema si terrà proprio tra due giorni a Torino;

– testimoniare la mia esperienza come membro del Comitato Scientifico del Corso già a partire dallo scorso anno e come sia stato arricchente la condivisione con i discenti l’esperienza in aula di interpretazioni su argomenti non sempre noti ai più. Sono altresì lieta di fare parte del corpo docente, certa che questa esperienza possa favorire un ulteriore scambio importante con i discenti, oltre che con gli illustri e competenti colleghi di questo corso.

E’ seguito l’intervento dell’Ing. Fabrizio Mario Vinardi, che ha evidenziato la particolare expertise degli Ingegneri nella valutazione delle rischiosità e dunque come sia importante che Professionisti appartenenti a diversi Ordini Professionali (ved. Tavolo congiunto GDPR) si uniscano per fondere al meglio le proprie conoscenze anche ai fini di attuare una migliore interpretazione del GDPR.

Ho ascoltato con interesse anche gli interventi a cura dei Professori Pizzetti, Durante e Foà, aggiornati ad evidenziare anche alcuni aspetti ancora da approfondire in merito all’operatività del GDPR.

Il DPO deve possedere adeguate conoscenze specialistiche della normativa e della prassi in materia di protezione dei dati ma deve anche sapere assolvere i propri compiti. Frequentare persone che abbiano maturato tale esperienza ancorchè in capo alla pregressa normativa può certamente essere utile, come ha sostenuto il Prof. Pizzetti riferendosi all’esperienza maturata in passato da alcuni responsabili in azienda. Il Prof. Pizzetti ha continuato evidenziando a tutti l’importanza nella vita di tutti i giorni di attenzionare agli utenti la condivisione dei dati personali in rapporto all’utilizzo dei propri dispositivi ed in generale dell’Internet delle cose e dell’intelligenza artificiale.

L’Avv. Laura Marengo, con la quale avevamo organizzato per l’Unione Industriale di Torino già nel passaggio dalla L. 675/96 al D.Lgs. 196/03 un apposito convegno che era stato tra i primi dell’epoca, ha effettuato il proprio plauso al corso e concordato con il modello “sartoriale” citato dal Prof. Pizzetti e condiviso da tutti i relatori. Il prof. Mauro Alovisio, peraltro anche grande organizzatore nel corso, ha spiegato gli aspetti amministrativi del corso e come sempre dato grande disponibilità per rispondere a qualsiasi quesito.

Sono seguiti gli interventi di chi aveva già frequentato il corso nelle scorse edizioni (con risultati di felici impatti significativi anche sul proprio lavoro) ed io, in chiusura, ho evidenziato di quanto, anche questo aspetto sia stato significativo durante il corso.

Condividere in uno sguardo la comprensione di un dettaglio interpretativo della norma senza necessità di commentare oltre, poichè il proprio interlocutore è “preparato” ed aggiornatissimo sullo stesso argomento, è una soddisfazione che, credo solo chi nutra passione per il proprio lavoro, possa appieno comprendere. Ritengo che ciò abbia creato peraltro un rapporto di profonda stima tra tutti i partecipanti.

Gli applausi degli intervenuti a questa bella giornata di presentazione sono stati un primo bel feedback iniziale.

Sarò lieta di incontrarVi prossimamente al corso!

 

 

Written by